Questo canto che sale

Pubblicato il da Armonia dei contrari

 A chi nessuna lingua conobbe

a chi brancola nel buio

e leva grida di dolore

perché il cuore

non sia trafitto ancora

a chi che non ha ricordi

e non ha domani

a te che sei infinito

sul corpo nudo della storia

a te che sei un Punto

tra gli innumerevoli

dell’universo

che sei Cristo

su una croce spietata

a te che conosci

l’enigma della tua solitudine

a te che non consideri

bene il Bene

che non hai mani e dita

ma sei di cento colori

e all’alba torni a danzare

A te che sei verde di promesse

e fluttui nella tua luce

che ricerchi suoni di libertà

che sei lievito ineffabile

e sei Socrate infinite volte

a te che dipingi il paradiso

ma conosci anche l’inferno

 

Rimani te stesso in un mondo

che giorno e notte

si adopera per trasformarti

in un essere qualsiasi

a te che disseti tanta voce

come una sorgente d’acqua pura

alla speranza

di avere un sogno

ogni sera

come ogni volta che lo cercherai

Lasciati

chiudere nel cuore

donaci l’essenza di te stesso

porta pace a tanto dolore

la musica dolcissima sommessa

del tuo respiro

A te questo canto che sale… 

e respiro sia per noi


M.Allo

 

 

Con tag Anima mundi

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post